Notizie

Che cosa accade se si miscelano i vaccini AstraZeneca con Pfizer

Gli effetti collaterali più comuni sono febbre, brividi e dolori

I ricercatori hanno riferito che la miscelazione delle dosi del vaccino Oxford AstraZeneca e Pfizer BioNTech covid-19 porta a reazioni da lievi a moderate più frequenti rispetto ai programmi di dosaggio standard. I ricercatori che gestiscono lo studio Com-COV condotto dall'Università di Oxford, che sta studiando la reattogenicità e l'immunogenicità derivanti dalla miscelazione delle dosi dei due vaccini, hanno riportato i loro risultati preliminari in una lettera di ricerca peer review sul Lancet.

Matthew Snape, professore associato di pediatria e vaccinologia presso l'Università di Oxford e ricercatore capo dello studio, ha dichiarato: "Sebbene questa sia una parte secondaria di ciò che stiamo cercando di esplorare attraverso questi studi, è importante che informiamo le persone su questi dati, soprattutto perché questi programmi di dosi miste vengono presi in considerazione in diversi paesi. "I risultati di questo studio suggeriscono che i programmi di dosaggio misto potrebbero comportare un aumento delle assenze dal lavoro il giorno dopo l'immunizzazione, e questo è importante da considerare quando si pianifica l'immunizzazione degli operatori sanitari".

Lo studio sta confrontando tutte e quattro le permutazioni prime e boost dei vaccini AstraZeneca e Pfizer (Pfizer seguita da AstraZeneca, AstraZeneca seguita da Pfizer, AstraZeneca due volte non miscelato e Pfizer due volte non miscelato) sia a intervalli di 28 giorni che a 84 giorni di primo boost. Sono stati arruolati e randomizzati un totale di 830 partecipanti: 463 per i quattro gruppi con un intervallo di primo boost di 28 giorni e 367 per i gruppi con un intervallo di primo boost di 84 giorni. Quando somministrati a un intervallo di quattro settimane, entrambi gli schemi eterologhi (o "misti") hanno creato reazioni più frequenti dopo la seconda dose boost rispetto agli schemi standard, omologhi (o "non misti").

La febbre è stata segnalata da 37 (34%) dei 110 destinatari che hanno ricevuto AstraZeneca per prime e Pfizer per boost, rispetto a 11 (10%) di 112 destinatari di AstraZeneca sia per prime che per boost (differenza 24%, intervallo di confidenza al 95% da 13 a 35%). La febbre è stata segnalata da 47 (41%) su 114 destinatari di Pfizer per prime e AstraZeneca per boost, rispetto a 24 (21%) di 112 destinatari di Pfizer sia per prime che per boost (differenza 21%, IC 95% da 8 a 33% ). Aumenti simili sono stati osservati per brividi, affaticamento, mal di testa, dolori articolari, malessere e dolori muscolari. Eventuali reazioni avverse sono state di breve durata e non c'erano altri problemi di sicurezza, ha riferito il team di studio.

I partecipanti sono stati informati che il paracetamolo potrebbe ridurre gli effetti collaterali, ma non sono stati attivamente diretti a medicare in modo profilattico. L'uso di paracetamolo nelle 48 ore successive al vaccino boost è stato segnalato da 40 (36%) di 112 destinatari di AstraZeneca sia per prime e boost, 63 (57%) di 110 destinatari di AstraZeneca per prime e Pfizer per boost, 48 (41% ) di 117 destinatari di Pfizer sia per prime e boost, e 68 (60%) di 114 destinatari di Pfizer per prime e AstraZeneca per boost, rispecchiando così il modello di reattogenicità. Parlando a un briefing del Science Media Center, Snape ha detto: “Se questo sarà correlato o meno a una migliore risposta immunitaria, non lo sappiamo ancora. Scopriremo questi risultati tra poche settimane. Questa sarà una parte importante del quadro per cercare di capire cosa sta succedendo qui ".

Nel frattempo, Snape ha detto che il team ha adattato lo studio in corso per valutare se l'uso precoce e regolare del paracetamolo riduce la frequenza delle reazioni. Snape ha anche evidenziato che i dati dello studio coprivano solo i partecipanti di età pari o superiore a 50 anni, quindi l'impatto sui gruppi di età più giovane non era ancora noto. "In generale, abbiamo visto tassi più elevati di reazioni nei gruppi di età più giovane, quindi le reazioni potrebbero essere ancora più elevate nei gruppi di età più giovane", ha detto.

fonte: BMJ

Associazione Mosaico Onlus

Associazione di volontariato ed, al tempo stesso, un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) che si ispira ai principi della dignità della persona e del diritto alla salute.

Chi Siamo

Accedi