Notizie

Ucraina, non solo guerra. Hiv, tubercolosi e Covid minacciano i civili e i Paesi europei

C'è il rischio di una rapida diffusione delle malattie infettive a causa dell'invasione russa che fa fuggire la popolazione interrompendo cure e servizi sanitari

Nature ha pubblicato un interessante reportage dall'Ucraina in cui si evidenziano i rischi sanitari per i vicini Paesi europei che si stanno prodigando per accogliere milioni di civili in fuga. Perché in aggiunta agli effetti brutali e immediati dell'invasione russa, il popolo ucraino sta affrontando un assalto dalle malattie infettive. Alcune minacce, come la diffusione del COVID-19, sono immediate, poiché le persone si accalcano negli scantinati, nelle stazioni della metropolitana e nei rifugi temporanei per proteggersi dai bombardamenti. Senza acqua e servizi igienici adeguati, i casi di malattie diarroiche aumenteranno sicuramente. Il rischio di epidemie di poliomielite e morbillo è alto. E poiché le strutture sanitarie e le strade sono ridotte in macerie, l'accesso ai servizi diagnostici e alle cure per la tubercolosi (TB) e l'HIV/AIDS viene interrotto, il che si aggiungerà al loro carico già alle stelle.

“Sono molto, molto preoccupato per l'Ucraina. Innanzitutto, che ciò possa portare a un conflitto a lungo termine che distruggerà completamente il sistema sanitario", afferma Lucica Ditiu, medico rumeno e direttore esecutivo della Stop TB Partnership a Ginevra, in Svizzera. La crisi arriva in cima alla devastazione provocata dalla pandemia di COVID-19, durante la quale l'accesso alle vaccinazioni e ai servizi sanitari essenziali è precipitato.

Quando la Russia ha invaso il 24 febbraio, l'Ucraina stava uscendo dalla parte peggiore della sua ondata di Omicron, che aveva raggiunto il picco quel mese. I test COVID-19 sono caduti lì dall'inizio del conflitto, il che significa che la trasmissione non rilevata è probabilmente significativa, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), in una conferenza stampa del 2 marzo. In tutto il paese, i tassi di vaccinazione contro il COVID-19 sono pericolosamente bassi: circa il 65% a Kiev, ma fino al 20% in alcune oblast o regioni, ha affermato Jarno Habicht, capo dell'ufficio dell'OMS in Ucraina, aumentando il rischio di malattie gravi e Morte. (Nel Regno Unito, il 73% della popolazione è vaccinato.) Una diffidenza di lunga data tra la popolazione nei confronti dei vaccini ha ostacolato gli sforzi di immunizzazione anche per altre malattie prevenibili con i vaccini, come il morbillo e la poliomielite.

Le sfide si intensificano

L'Ucraina era già alle prese con un focolaio di poliomielite derivata dal vaccino: ci sono stati due casi nell'ovest del Paese lo scorso anno, il più recente a dicembre. Il poliovirus è stato anche isolato da 19 contatti sani. (Poiché il poliovirus paralizza solo una persona su circa 200 che infetta, l'epidemia è molto più grande di quanto il numero di casi da solo suggerirebbe.) Il conflitto ha sospeso una campagna di 3 settimane per vaccinare quasi 140.000 bambini, lanciata il 1° febbraio; ha anche colpito la sorveglianza della poliomielite, quindi il virus potrebbe diffondersi inosservato, avverte la Global Polio Eradication Initiative, con sede a Ginevra.

Anche il morbillo è un problema. Poiché è così contagioso, "il morbillo è una delle prime preoccupazioni in qualsiasi crisi umanitaria", afferma James Goodson, specialista in morbillo presso i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). L'Ucraina ha avuto un grande focolaio iniziato nel 2017 e continuato fino al 2020, con oltre 115.000 casi. Entro il 2020, la copertura nazionale segnalata con due dosi di vaccino contenente il morbillo era fino all'82%, secondo il CDC, un grande miglioramento ma non ancora abbastanza alto da prevenire focolai mortali. Più preoccupante, la copertura vaccinale è stata inferiore al 50% in alcune oblast, come Kharkiv, dove un numero enorme di persone sta fuggendo dal conflitto.

"Man mano che le persone entrano, dobbiamo davvero aumentare la sorveglianza nei paesi circostanti per poliomielite, morbillo e anche per COVID per assicurarci di prevenirli", ha affermato Heather Papowitz, responsabile dell'incidente dell'OMS per l'Ucraina, durante il briefing. "Cercare di fornire vaccini per morbillo, poliomielite e COVID è fondamentale".

Problemi di tubercolosi

L'Ucraina ha uno dei carichi più elevati al mondo di tubercolosi multiresistente (MDR). Si stima che circa 32.000 persone sviluppino la tubercolosi attiva ogni anno e circa un terzo di tutti i nuovi casi di tubercolosi sono resistenti ai farmaci. Il 22% delle persone affette da tubercolosi è infetto dall'HIV in Ucraina e la tubercolosi è la principale causa di morte tra coloro che convivono con l'HIV. Malattia aggravata dall'affollamento e dalla povertà, la tubercolosi è causata dal Mycobacterium tuberculosis . Distrugge lentamente i polmoni e si diffonde attraverso le goccioline respiratorie.

La tubercolosi resistente ai farmaci si verifica quando le persone non aderiscono al loro arduo regime di farmaci quotidiani. "Se hai la tubercolosi o l'HIV, nessuno ha il tempo di farsi curare e correre con esso, hanno a malapena il tempo di prendere i propri figli e correre", dice Papowitz.

"Qualsiasi interruzione del trattamento porterà a una tubercolosi resistente ai farmaci, inclusa la tubercolosi MDR", afferma Ditiu. “Dopo 5 anni senza trattamento, il 50% delle persone con TBC polmonare può morire. Nel frattempo, infetti molti altri intorno a te. E se si interrompe il trattamento per la tubercolosi MDR, dice, "è possibile sviluppare una tubercolosi estremamente resistente ai farmaci, dove ci sono pochi farmaci che funzionano". La diagnosi e il trattamento dei casi di tubercolosi erano già precipitati di circa il 30% durante la pandemia di COVID-19 nel 2020 e nel 2021, portando a una maggiore trasmissione.

L'accesso alle cure per l'HIV/AIDS è in pericolo anche in Ucraina, che ha il secondo maggior carico di HIV/AIDS nell'Europa orientale. Circa l'1% della popolazione è infetto, ma quel numero è molto più alto nei gruppi a rischio: 7,5% negli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini e quasi il 21% nelle persone che si iniettano droghe. “Non dovresti interrompere il trattamento. Data la natura dell'HIV, che porta AIDS e morte, la medicina salva la vita”, afferma Raman Hailevich, direttore nazionale del Programma congiunto delle Nazioni Unite sull'HIV/AIDS (UNAIDS).

La terapia antiretrovirale (ART) può mantenere l'HIV sotto controllo e le difese immunitarie forti per proteggere dalle infezioni opportunistiche, come la tubercolosi; impedire alle persone a rischio di contrarre l'HIV; e prevenire la trasmissione da madre a figlio. Se assunta in modo coerente, l'ART può sopprimere la carica virale a livelli così bassi che una persona non può trasmettere l'HIV.

Crisi regionale

Il Paese stava facendo progressi, ma “questa guerra può riportarci indietro di dieci anni”, afferma Valeriia Rachynska, della Rete tutta ucraina delle persone che vivono con l'HIV/AIDS. Tra i bombardamenti indiscriminati, le persone potrebbero non essere in grado di ritirare le loro medicine. "E anche se arrivi a una struttura medica, deve essere rifornita di farmaci", afferma Hailevich.

Le persone in fuga verso la salvezza potrebbero avere una scorta di farmaci per un mese, o per due settimane o meno, dice Rachynska. Coloro che non possono trasferirsi in un luogo sicuro, e quelli nei territori occupati dalla Russia, sono i più vulnerabili, aggiunge.

Ad aggravare il problema, l'Ucraina si aspettava un grosso carico dall'India di farmaci antiretrovirali all'inizio di marzo. Il Piano di emergenza del Presidente degli Stati Uniti per l'iniziativa di soccorso contro l'AIDS si sta ora mobilitando per trasportare forniture di emergenza a un magazzino in Polonia; da lì, li trasporterà alle strutture mediche ucraine.

La terapia sostitutiva degli oppioidi (OST), come il metadone, potrebbe essere fuori dalla portata degli ex consumatori di droghe per via parenterale, molti dei quali convivono con l'HIV. Anche se il Paese ha forniture che dureranno fino a ottobre, dice Hailevich, “se ti trovi a Kharkiv o Mariupol o in un territorio controllato dai russi, è altamente improbabile che lo otterrai, poiché la Russia non approva l'OST”.

La rete di Rachynska, che ha trasferito i suoi uffici da Kiev all'Ucraina occidentale, sta dicendo ai suoi clienti di non aver paura di rivelare il loro stato di HIV quando attraversano altri paesi europei, ma invece di andare in ospedale e chiedere i loro farmaci. "Tutto ciò che sta accadendo in Ucraina sta colpendo anche gli altri paesi [da cui le persone stanno fuggendo]", ha detto Papowitz dell'OMS durante il briefing, "quindi è una vera crisi regionale".

fonte: Nature

Associazione Mosaico Onlus

Associazione di volontariato ed, al tempo stesso, un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) che si ispira ai principi della dignità della persona e del diritto alla salute.

Chi Siamo

Accedi